28 mar 2017

Piazza Tre Torri – Citylife

CityLife, progetto di riqualificazione di un’area nel cuore di Milano, ha portato al cambiamento dello skyline cittadino con uno degli interventi urbanistici più grandi d’Europa. Cuore dell’area CityLife è il Business & Shopping District, in cui, in seguito a un concorso internazionale, sono stati previsti tre grattacieli firmati da architetti di calibro internazionale: Zaha Hadid, Arata Isozaki e Daniel Libeskind.

La torre Isozaki è stata completata e rappresenta oggi l’edificio più alto con i suoi 202 m di altezza. La torre Hadid in costruzione sarà presumibilmente completata entro il 2017, la terza torre, di Libeskind, è alle fondazioni.

Tra le tre torri nasce la Piazza Tre Torri affidata allo studio One Works. La piazza nasce dalla volontà di creare uno spazio che metta in relazione i diversi livelli tra le tre torri. L’ingresso principale delle torri è situato infatti a +129 metri s.l.m., mentre la piazza ipogea si trova a +122 metri s.l.m. La piazza oltre a mettere in relazione i due livelli di accesso alle torri con le due quote pubbliche di riferimento dell’intero progetto, rappresenta il collegamento con la nuova fermata della metropolitana M5 e i parcheggi sotterranei.

La piazza diventa il punto di incontro di due percorsi: mette in relazione le parti sud e nord del parco e le parti est-ovest tra la Piazza Sei febbraio con il fashion mall nel basamento della torre Hadid e il parco a ovest.

L’articolazione della piazza è sottolineata dai grandi fori che permettono la vista dei grattacieli anche dall’interno e viceversa della piazza ipogea dall’esterno creando maggiore integrazione tra i diversi spazi.

Grandi aree a verde sottolineano il collegamento nord – sud nella parte orientale e di fronte all’ingresso del fashion mall per conferire maggiore intimità ai dehors dei ristoranti che si affacciano sulla piazza, oltre ad aiuole fiorite attorno ai fori principali.

Le pareti divisorie tra i vari vani e al livello parcheggio sono costituite da Lecablocco Tagliafuoco Facciavista di vari spessori (12, 15, 20 e 30 cm) sia nella versione monocamera che multicamera.

Gli elementi sono lasciati a vista e semplicemente pitturati ai piani interrati del parcheggio mentre ai piani superiori la loro resistenza e robustezza che li rendono estremamente attrezzabili hanno permesso la sovrastruttura per il rivestimento in marmo a livello della piazza.
I Lecablocco Tagliafuoco permettono di ottenere ottimi valori di resistenza al fuoco certificati in bassi spessori e sono dotati di Fascicolo Tecnico del produttore.

Località
Milano
Soggetto promotore
Citylife S.p.A.
Milano
Progettazione Architettonica
Oneworks
Milano
Impresa
Carron Costruzioni generali
San Zenone degli Ezzelini (TV)